Regione Piemonte - Città Metropolitana di Torino

Paolo Rucchione inaugura la nuova edizione del Settembre Almesino con la scalata del Colle del Lys in bici, ma senza sella.

Il Comune di Almese si prepara a salutare l’estate proponendo un calendario fitto di eventi culturali, sportivi, musicali e di svago, che si svolgeranno sul territorio per tutto il mese di settembre. La nuova edizione del Settembre Almesino avrà inizio venerdì 4 e proseguirà fino a domenica 27 settembre con tanti appuntamenti divenuti ormai tradizionali, ma anche tante novità. Quest’anno, infatti, ad aprire la tradizionale rassegna settembrina sarà un avvenimento molto particolare, che in Italia non conosce precedenti.

Venerdì 4 settembre, l’atleta villardorese Paolo Rucchione, conosciuto sul territorio per la sua decennale esperienza in campo sportivo, si appresta ad affrontare “La tutta in piedi”, l’impresa di forza e resistenza che consiste nell’intera scalata in bicicletta del Colle del Lys, con partenza da Villar Dora. La particolarità di questa scalata di circa 15 km è che si svolgerà interamente in piedi, ovvero senza sella e canotto sella, lungo tutto il tratto in salita.

Il pubblico è invitato a prendere parte all’iniziativa per sostenere l’atleta Rucchione in questa grande impresa sportiva, organizzata in ricordo dell’ex ciclista almesino, nonché amico, Piero Ghibaudo. L’appuntamento è in via Circonvallazione-angolo via Roma alle ore 17.

“L’idea è nata così all’improvviso. Ho fatto qualche prova durante alcuni dei miei giri in bici e ho notato che arrivavo a fare lunghe salite senza sentire la necessità di sedermi sulla sella” – ha dichiarato Paolo Rucchione. – “Poi per curiosità sono andato su internet a verificare se qualcuno avesse già fatto una prova analoga. Ufficialmente, in Italia, non risulta che qualcun altro l’abbia mai fatta, mentre in Europa ci ha provato un inglese su una salita in Francia, lanciando così la sfida. Di lì è partito il tutto. Ho contattato qualche amministrazione locale per spiegare la mia idea, che è stata ben accolta e accettata, data la sua particolarità. Ammetto che non è una prova facile perché è un esercizio un po’ diverso dal solito e da quello che fa un ciclista tradizionale. Vorrei, in primis, che questa impresa possa essere un modo per valorizzare e promuovere il nostro territorio e le sue bellezze, ma anche un messaggio di educazione alla mobilità sostenibile, al fine di incentivare le persone ad utilizzare la bicicletta nel quotidiano”.

Comune di Almese