Regione Piemonte - Città Metropolitana di Torino

Anche Almese rientra tra i Comuni che hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa con la Città di Torino, per offrire alle PMI e a tutte le attività commerciali o produttive che vorranno aderire, la possibilità di essere informati e consapevoli sugli impatti che potrebbero verificarsi sulla loro attività, in caso di eventi climatici estremi.

Tramite l’utilizzo di uno strumento di autovalutazione del rischio climatico, chiamato Cram Tool, le aziende di Almese sapranno come affrontare alluvioni, vento, fulmini, grandine, frane, e ridurre il rischio che le conseguenze di questi eventi potrebbero avere sulla sopravvivenza dell’impresa. Si tratta di uno strumento sviluppato nell’ambito di Life DERRIS, il primo progetto europeo rivolto alla Pubblica Amministrazione e alle piccole e medie imprese per la riduzione dei rischi causati da eventi climatici estremi, che permette di individuare, i principali rischi ai quali ogni singola impresa è esposta e le possibili azioni per la gestione dei rischi e delle emergenze, scongiurando quindi una chiusura per danni troppo lunga, che comporterebbe il rischio di fallimento.

Il cambiamento climatico rappresenta una delle maggiori sfide che l’umanità dovrà affrontare nei prossimi anni: sviluppando un politica locale, finalizzata a valutare i possibili impatti e le previsioni di come rispondere per evitare o minimizzare danni e salvare vite umane, il Comune di Almese intende dare un forte impulso alla riduzione dei rischi sul proprio territorio.
Firmano il Protocollo: la Città di Torino, l’Associazione Piccole Medie Imprese di Torino e Provincia (API), la Compagnia delle Opere (CdO), la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola Media Impresa di Torino (CNA), la Coldiretti, la Confesercenti, LegaCoopPiemonte, la SMAT, le amministrazioni di Avigliana, Almese e quelle rappresentate dal Patto Territoriale Zona Ovest (undici comuni).

“Grazie alla firma del Protocollo, forniremo conoscenze ed esperienze al servizio delle imprese, dei commercianti e delle attività produttive di Almese che, sviluppando un buon grado di preparazione, saranno in grado di contenere i danni nel caso di situazioni di crisi che dovessero verificarsi sul nostro territorio – ha affermato il Sindaco Ombretta Bertolo -. “Le strategie sperimentate da Life DERRIS parlano chiaro: in casi estremi, il fattore determinante è il tempo di reazione, per cui bisogna saper prevenire, saper gestire i rischi e saper affrontare i danni. Alluvioni e incendi hanno messo a dura prova tutta la Valle di Susa e sono la prova concreta di come serva un’azione di tutela del territorio sempre più incisiva, sempre più volta alla prevenzione e alla messa in sicurezza. Questa nuova iniziativa serve ad aumentare la ‘resilienza’ delle imprese, a consentirle di riprendersi al più presto in caso di danni provocati da eventi estremi, e ad evitare di dover chiudere, mettendo così in ‘pericolo’ la propria esistenza e posti di lavoro“.

Comunicato stampa in versione pdf.

Comune di Almese