Regione Piemonte - Città Metropolitana di Torino

Gestione del calore negli edifici pubblici

Inverno meno caro per il Comune. Rispetto alla stagione termica 2011-2012, la nuova gestione del calore negli edifici pubblici ha prodotto, in quella terminata il 15 aprile 2013, un risparmio di 40 mila euro nei consumi di gasolio e metano. Un obiettivo raggiunto grazie all’affidamento della cura degli impianti termici a una società, Granclima che ha sostituito Cofely Italia nell’autunno 2012.

La novità è rappresentata dal fatto che il Comune ha deciso di abbandonare una gestione a tariffa forfettaria, acquistando in maniera autonoma gasolio e metano e monitorando i consumi. A Gran Clima spetta la gestione vera e propria degli impianti, accensione e spegnimento, nonché la manutenzione. La società ha inoltre effettuato alcuni interventi tecnologici per migliorare il funzionamento delle centrali termiche. In questo modo sono stati consumati circa 20 mila litri in meno di gasolio rispetto alla stagione termica precedente, mentre i metri cubi di metano sono rimasti pressoché invariati. Risparmi significativi, dunque, non solo dal punto di vista economico ma anche da quello dei consumi.

Il 60 per cento dei risparmi va al Comune, il resto a Granclima secondo il contratto che prevede cinque anni di risparmi condivisi. La Granclima si accolla le spese di interventi per miglioramenti energetici, il Comune non paga nulla e i risparmi ottenuti vengono divisi con la Granclima si ripaga in questo modo gli investimenti. Dal quinto anno in poi i risparmi sono tutti del Comune. Un traguardo coerente con gli impegni assunti nell’adesione al Patto dei Sindaci per l’abbattimento dei consumi energetici.

 

Comune di Almese