Premio sicurezza lavoro, edizione 2012

premio-sicurezza-lavoro-201
La scuola media di Sant’Ambrogio si è aggiudicata l’intero podio della seconda edizione del concorso “Non è colpa del destino” relativo a progetti sul tema della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro, promosso dal Comune e dall’associazione Sicurlav. Il vincitore è Martina Federico, seguita da Ginevra Evoli e Giulia Lamattina. Il premio riservato alla media di Almese va a Virginia Faccio, seguita da Albero Bertona e Stefano Zappia.

Un riconoscimento è stato assegnato anche ai migliori progetti delle altre scuole: a Isabella Cicala della Defendente Ferrari di Avigliana, Enrico Osella e Chiara Luongo della Gobetti di Beinasco, Elisabetta Pani della Salotto & Fiorito di Rivoli e Alice Comba della Maria Ausiliatrice di Giaveno.

premio-sicurezza-lavoro-almI premi sono stati consegnati venerdì 21 dicembre all’auditorium cav. Mario Magnetto, dal presidente di Sicurlav Giacomo Porcellana, da Michele Montrano, assessore almesino all’urbanistica, ispettore Asl per la sicurezza sui luoghi di lavoro e tra i fondatori dell’associazione, dalla dirigente scolastica Anna Salvatore, dal responsabile del settore sicurezza lavoro dell’Asl To3 Giorgio Serafini e dal consigliere comunale Giovanni D’Alessandro. A salutare i ragazzi anche il sindaco di Almese Bruno Gonella e il suo vice Piero Genovese, qui in veste di rappresentante dell’Asl. Il premio assegnato ai ragazzi della scuola di Sant’Ambrogio, assenti per un impegno scolastico, è stato ritirato dalla preside Cristina Cerruti.

Gli studenti erano invitati a elaborare in forma individuale, eventualmente sotto la guida degli insegnanti, progetti che riguardano la sicurezza e salute negli ambienti di lavoro, con scritti, manifesti promozionali, articoli di taglio giornalistico, fumetti, manuali, opuscoli, oppure in forma multimediale. E il numero dei progetti presentati ha stupito gli organizzatori. Sono stati, infatti, 82 i lavori elaborati dai ragazzi delle scuole medie statali di Almese, Beinasco, Avigliana, Sant’Ambrogio e gli istituti parificati di Rivoli Salotto e Fiorito e Maria Ausiliatrice di Giaveno.

premio-sicurezza-lavoro-lav«L’impegno dei ragazzi è stato eccezionale e siamo certi che non dimenticheranno come la sicurezza sui luoghi di lavoro sia fondamentale», ha osservato Porcellana. Spiega Michele Montrano, che ha ideato l’iniziativa: «La prima edizione, nel 2011, aveva fatto registrare 18 progetti ed era già un successo. Il numero dei partecipati che quest’anno hanno presentato i loro lavori è straordinario e dice che il lavoro di sensibilizzazione non è stato vano, che le scuole hanno compreso l’importanza di questo problema, che l’emozione suscitata dai morti e dagli infortunati sui luoghi di lavoro ha lasciato il segno». A dare forza e autorevolezza all’iniziativa, fa rilevare l’assessore almesino, è l’inserimento nel catalogo degli eventi formativi relativi alla promozione della salute sui luoghi di lavoro elaborato dall’Asl To3.

La sicurezza sui luoghi di lavoro è una questione che riguarda tutti, aziende private e pubbliche, istituzioni e cittadini, ha fatto osservare Montrano. Ed è importante che la sensibilizzazione inizi dai giovani. L’idea di un concorso rivolto alle scuole non è casuale perché in fondo, osserva, sono anch’essi luoghi di lavoro. Sicurlav opera da più di dieci anni nella divulgazione culturale e tecnica sui temi della sicurezza sul lavoro e, in collaborazione con altri enti, organizza periodicamente seminari e incontri di formazione.