Nati per Leggere ed. 2015

Il Comune di Almese, in collaborazione con la Biblioteca Civica “Giorgio Calcagno” e l’Istituto Comprensivo di Almese, invita tutti i genitori dei bambini nati ad Almese nel 2014

Sabato 28 marzo alle ore 10 nella Sala Consiliare- via Roma 4

all’iniziativa NATI PER LEGGERE – Edizione 2015

Le Classi V A e V B della Scuola Primaria di Almese, coordinate dalle insegnanti Roberta Caravagno, Silvana Bertolo, Marcella Bernardi, Miriam Maffiodo, li accoglieranno con “ Parole in musica” accompagnate da brevi letture, flauti e video.

L’incontro proseguirà con il dono di un libro e si concluderà con un aperitivo.

nati_per_leggere_piemonte_182Il Comune di Almese aderisce dal 2007 al progetto nazionale “Nati per leggere”, iniziativa sostenuta da medici pediatri e bibliotecari, accomunati dall’obiettivo di rendere i genitori sempre più consapevoli dell’importanza di soddisfare i bisogni fondamentali del bambino.

In Piemonte il progetto si sviluppa attraverso una fitta rete di collaborazioni e si propone di:

-diffondere l’abitudine alla lettura a voce alta ai bambini

– sostenere l’attività delle Biblioteche che aderiscono al progetto

– promuovere occasioni di incontro, confronto e formazione per pediatri, bibliotecari, insegnanti e genitori per accrescere la conoscenza del libro per bambini.

Fin da quando nasce, anche prima di nascere, il bambino ascolta con grande piacere la voce umana, sia che questa parli, canti , racconti o legga una storia.

Coltivando l’abitudine all’ascolto il bambino aumenta la durata dei tempi di attenzione e sviluppa l’immaginazione; attratto dalle storie che ascolta è invogliato a ripetere le parole che ancora non conosce, a memorizzarle.

Il contesto affettivo in cui avvengono i suoi primi incontri con il libro induce il bambino a desiderare e a richiedere di ripetere l’esperienza, favorendo così la creazione di un’abitudine.

Tutti i genitori desiderano che il proprio bambino impari presto e bene a leggere e scrivere; non tutti i genitori sanno però che il successo scolastico è anche legato al tipo di rapporto che il bambino instaura, nei primi anni di vita, con la parola ascoltata dalla voce dell’adulto, con le storie ascoltate prima della buonanotte.