Lavori alla scuola Primaria di Almese: a che punto siamo?

L’Assessorato ai Lavori pubblici del Comune di Almese, vista l’attenzione e le preoccupazioni dei cittadini relative al cantiere presso la scuola primaria di Almese, ritiene utile fornire una nota che possa dare indicazioni utili per comprendere come si stanno svolgendo i lavori di efficientamento energetico presso tale plesso scolastico e per fugare dubbi e notizie imprecise che stanno circolando in questi giorni.

Nel novembre del 2013 viene varato il progetto esecutivo inerente ad interventi di efficientamento energetico, in particolare la realizzazione di un cappotto esterno, la sostituzione degli infissi, la realizzazione di un impianto di riscaldamento con pompa di calore a gas e relativa costruzione di una struttura davanti all’ingresso della scuola. Il 23/05/2014 avviene l’aggiudicazione definitiva dei lavori e il 25/06/2014 la ditta appaltatrice inizia a montare il ponteggio. Tra luglio e agosto si comincia a posizionare i pannelli isolanti sulla facciata e vengono sotituiti gli infissi.

Nel frattempo a fine luglio 2014 la Regione Piemonte, in base alla Det 188 del 11/07/2014 pubblicata sul BUR n. 29 del 17/07/2014, concede la possibilità di utilizzare i ribassi d’asta per ulteriori opere di riqualificazione energetica con il cofinanziamento regionale all’80% a fondo perduto, dando la possibilità agli enti di predisporre delle perizie di variante migliorative. L’Amministrazione Comunale ha deciso pertanto di sfruttare questa possibilità, si è in procinto quindi di perfezionare il progetto di variante che consisterà nell’inserimento di una pompa di calore elettrica (anziché a gas) alimentata da un impianto fotovoltaico e altre opere minori. Tale scelta progettuale permette di ottenere vantaggi ambientali – economici – di sicurezza e benessere per i bambini:

  • l’inserimento della pompa di calore elettrica direttamente nella centrale termica già esistente (non possibile, per ragioni di sicurezza, per quella a gas), riduce l’impatto di inserimento architettonico della struttura che avrebbe ospitato la pompa di calore a gas, evitando di sottrarre superficie all’area gioco esterna alla scuola.
  • Assicura comunque una riduzione di energia primaria del 70%, come richiesto dal bando di gara a patto che siano installati pannelli fotovoltaici sul tetto.
  • Assicura un’aliquota maggiore di utilizzo di energia da fonti rinnovabili.

L’impianto fotovoltaico potrà essere posato in opera a seguito del perfezionamento dell’autorizzazione paesaggistica e ciò porterà a uno slittamento nelle tempistiche di smontaggio del ponteggio lato mensa.

Il programma dei lavori prevede che entro il 21 ottobre verrà smontato il ponteggio su tutti i lati dell’edificio tranne che sul lato mensa, per i motivi sopra spiegati. Sarà inoltre ridotta l’area di cantiere in modo da lasciare spazio ai bambini durante l’intervallo e per un completo utilizzo della palestra.

Attualmente non c’è ancora una data di fine lavori poiché non è stata approvata la perizia di variante. La ditta si è resa disponibile a montare il fotovoltaico durante il sabato e domenica, per anticipare la chiusura dei lavori rispetto alle vacanze natalizie. Se, a causa delle cattive condizioni meteorologiche, i tempi di installazione dei pannelli fotovoltaici dovessero protrarsi, il ponteggio verrà smontato e rimontato solo per terminare i lavori a fine inverno. I lavori, ad oggi, non hanno subito ritardi, le lezioni sono regolarmente iniziate e la mensa è attiva.

Dal punto di vista della sicurezza è stato redatto il Psc (piano di sicurezza e coordinamento) e i verbali di coordinamento che permettono di gestire le eventuali interferenze del cantiere e ridurle a zero. Le lavorazioni, dall’inizio delle lezioni, vengono effettuate solo all’esterno, in area di cantiere delimitata e, durante gli orari di entrata, uscita e intervallo, le operazioni comunque vengono interrotte. La direzione scolastica, inoltre, ha fatto redigere un DUVRI (Documento Unico per la Valutazione dei Rischi Interferenti) in aggiunta al PSC. Nei giorni scorsi è stato inviato al cantiere l’organo di controllo dell’Ispettorato del Lavoro e, dal verbale, è risultato tutto perfetto.

Per quanto riguarda i futuri interventi si specifica quanto segue. Due anni fa, dalla precedente amministrazione, fu presentata la richiesta di finanziamento per il rifacimento dei tetti con previsione di realizzazione nel 2014. Tuttora risulta che il finanziamento della Regione Piemonte sul progetto del rifacimento della copertura sarà disponibile sull’anno 2015. Si prevede di procedere con la progettazione esecutiva dell’intervento non appena terminati i lavori di questo appalto così da coordinare le due opere.

Per realizzare il rifacimento del tetto della scuola primaria sarà necessario rimuovere temporaneamente i pannelli fotovoltaici e poi rimontarli a lavori ultimati e la spesa che si andrà a sostenere sarà di circa 4000 € rispetto al costo dell’intervento di 19.200 € (di cui l’80% sarà finanziato dalla Regione, come già illustrato sopra). Pertanto si trattava di scegliere di rinunciare alla cifra complessiva di € 15.360 per non spenderne € 4000. Si è invece preferito optare per l’installazione del fotovoltaico in modo da mettere a frutto i lavori di efficientamento energetico si qui realizzati.

Si desidera, infine, fornire alcune precisazioni sulla realizzazione del nuovo locale mensa presso la scuola primaria di Rivera. L’installazione di un prefabbricato nel giardino della scuola, come ventilato inizialmente, avrebbe avuto un costo indicativo di circa € 100.000, denaro non previsto in bilancio. A seguito di un sopralluogo l’attuale amministrazione ha valutato che, con l’adattamento di un’aula esistente si sarebbe potuto realizzare un refettorio a norma, con una spesa di € 3.200 di lavori e € 4.400 di arredi, per un totale di € 7.600. Inoltre il Comune ha dedicato almeno 2 operai e diversi “cantieristi” come risorse impiegate per i lavori alle scuole nei mesi di luglio e agosto.