I ragazzi archeologi dello stage alla villa romana

stage-villa-2013-col

Fare gli archeologi per la prima volta e portare subito alla luce dei reperti importanti. È accaduto ai 29 ragazzi che, in due gruppi, hanno partecipato allo stage di educazione ambientale alla villa romana. Quello che ha lavorato dal 1 al 12 luglio è stato il più fortunato: dagli scavi è emerso il basamento di una colonna col suo piedistallo in marmo accanto all’ingresso della villa e, in un’altra zona, è stato scoperto un capitello ben conservato, già portato al museo torinese delle antichità. Nella stessa area, il gruppo di giovani che ha iniziato l’attività il 15 luglio e l’ha terminata il 26, ha trovato i resti di una colonna.

stage-villa-2013-raga1Un ottimo bilancio, dunque, per la sesta edizione dello stage alla villa romana, promosso dal Comune in collaborazione con la Soprintendenza ai beni archeologici, che ha visto i ragazzi impegnati negli scavi, coordinati dall’archeologo Gabriele Gatti. Del primo gruppo hanno fatto parte Rebecca Azzalin, Monica  Balint, Andrea Bertolo, Simone Carpegna, Sabrina De Angelis, Martina Giachello, Ilenia Gotto, Denise Larosa, Michael Larosa, Andrea Negrin, Federico Paini, Alessandro Raimondo, Sonia Sebelic, Umberto Maria Veglio. Del secondo, Aurora Antonini, Luca Barberis, Ilenia Battaglia, Veronica Bellantoni, Annalisa Bronzino, Marco Brunatti, Matteo Bunino, Cosimo Carè, Mariacristina Casasco, Eleonora Curtabbi, Maria Chiara Foco, Stefano Fucarino, Marianna Manenti, Marianna Ronco, Stefania Zappalà.

stage-villa-2013-raga2Grande è stata la sorpresa quando è venuta alla luce la colonna e il suo piedistallo che, secondo gli archeologi, conferma come l’ingresso alla villa romana fosse assai sontuoso. Dopo la scoperta, il lavoro è consistito nello scavo attorno al reperto, che consentirà il successivo restauro. Lo stage alla villa romana si conferma dunque come un’opportunità di scavo che la Soprintendenza non può più effettuare per mancanza di fondi.   «Dobbiamo dire grazie al Comune per l’aiuto che ci dà in questo momento difficile», ha osservato Federico Barello, ispettore della Soprintendenza che si è congratulato coi ragazzi per i ritrovamenti, in particolare del capitello.

stage-villa-2013-capA salutare il primo gruppo al termine delle due settimana di lavoro, anche il sindaco Bruno Gonella e il climatologo Luca Mercalli. «È stata l’ennesima esperienza positiva che, sono certo, resterà fra quelle importanti vissute dai nostri ragazzi», ha detto il primo cittadino. Mercalli ha invece dialogato coi ragazzi, per la verità un po’ timidi nell’interloquire col climatologo almesino. «Immagino la vostra soddisfazione per i ritrovamenti. Primo Levi ha scritto del piacere per il lavoro ben fatto e credo sia lo stesso che avete provato voi».

27/7/2013